Nomi primitivi: studiamoli insieme

Quali sono questi nomi? I nomi primitivi (o semplici) sono quelle parole che non derivano da nessun’altra parola. Il nome primitivo dunque è il nome base, ossia quello da cui derivano tutti gli altri nomi della stessa famiglia che prendono il nome di “nomi derivati”.

Tutti i nomi primitivi presentano una parte fondamentale ed invariabile detta radice ed una variabile detta desinenza.

Vediamo alcuni esempi:

Carta → Cart (radice) -a (desinenza)

Borsa → Bors (radice) -a (desinenza)

Libro → Libr (radine) – o (desinenza)

Mare → Mar (radice) -e (desinenza)

Porta → Port (radice) -a (desinenza)

Spalla → Spall (radice) -a (desinenza)

Pesce → Pesc (radice) -e (desinenza)

 

La radice è la parte invariabile della parola, che può essere comune anche ad altre parole, mentre la desinenza caratterizza la parola e ne dà informazioni come genere e numero: quest’ultima può variare in base al numero, per esempio, nella parola “porta”, la radice Port- resta uguale, mentre la desinenza passa da A ad E nel passaggio dal singolare al plurale, dando come risultato “porte”.

 

Nomi: